Nero Linux 3 è qui, a noi la scelta

Come al solito con Nero (avrò un debole? Mai usato), non voglio fare il fondamentalista e snobbare la notizia, ma neanche sbandierarla ai quattro venti: Nero Linux 3 è ora disponibile e acquistabile. Sono in ogni caso sicuro che questa scelta in più sia comunque una piccola ricchezza per tutti noi.

nerosplash.png

A prescindere se lo userete o meno, e vi ricordo come ho fatto in passato (cfr. “Anteprima di Nero Linux 3 beta“) che esistono ottime alternative aperte, ribadisco che fa sempre comodo esibile un nome come Nero, conosciuto ai più, e che Adobe resta un’azienda produttrice sperando che operazioni come questa siano d’esempio per aziende come Adobe, produttrici di molto software che ci farebbe gola…

Magari Nero è solo l’inizio? :)

47 pensieri su “Nero Linux 3 è qui, a noi la scelta

  1. Concordo con la libertà di scelta (e di acquisto, per favore. Non facciamo come i windowsiani..).

    Non lo userei perché è un’ applicazione a se stante, in tipico “modus operandi” in Redmond, e quindi addio integrazione, ma è certamente buona cosa che sia disponibile anche per noi.

    Quando Adobe si sveglia.. Magari solo collaborando (per lo meno non ostacolando..) col team Gimp & Co., magari ci/si fa anche un favore.

    Bieca Miope Società Monopolista della Grafica. XD

  2. Direi che è un buon punto a favore degli utenti GNU/Linux ed anche dei futuri utenti GNU/Linux. Comunque Nero è un prodotto di Ahead, non di Adobe.

  3. K3b è sicuramente il TOP sotto linux, ma… sono l’unico che ogni tanto butta via qualche CD/DVD bruciato ? In particolare facendo CD audio o DVD multisessione…
    PS ho un Pioneer DVR108

  4. Ma voi con le alternative aperte ci riuscite a masterizzare a 16x? Io non riesco ad andare oltre i 6x e la cosa mi da un po fastidio quando ho fretta..

  5. Personalmente riesco a masterizzare meglio con nero, anche alla massima velocità, mentre con k3b se supero il 60% della velocità sforna cd non funzionanti. Forse è un problema del mio masterizzatore.. ma questo mi porta a scegliere nero per linux, anche la beta mi va bene

  6. Personalmente riesco a masterizzare meglio con nero, anche alla massima velocità, mentre con k3b se supero il 60% della velocità sforna cd non funzionanti. Forse è un problema del mio masterizzatore..ma questo mi porta a scegliere nero per linux, anche la beta mi va bene

  7. ottima notizia per l’open source ma io continuo a usare K3b….però mi domando, e non vorrei nemmeno io essere fondamentalista,ma chi cavolo spenderà dei soldi avendo un sistema GNU/linux per un software chiuso?…..se c’è qualcuno intenzionato a comprare nero e ad essere indifferente a K3b che faccia un segno….

  8. anche io uso il K3b che fà tutto quello che gli chiedo..pur essendo uno gnomista ;)

  9. hahahhahah infatti dice bene sirus @6 nero non c’entra una sega con adobe ma è un prodotto ahead…felipe ma insomma…

  10. Nero lo uso sotto windows ed onestamente non ne sentivo la mancanza sotto linux, anzi (non si potrebbe avere K3B sotto windows?).
    Comunque fa piacere che ditte come ahead lascino una porticina aperta per linux.

  11. secondo me sarebbe logico se la licenza di Nero valesse sia per la versione Windows che per quella Linux

    anche se in effetti su Linux non si sente molto la necessità di un software per masterizzare come Nero..

    unica pecca.. IMHO i file .APE
    se Nero 3 li dovesse supportare con qualche plugin avrebbe qualcosa in più

  12. ho usato la beta tutte le volte che K3b (o meglio i programmi a cui si appoggia) non riusciva a masterizzare (accade con DVD video) e per fare qualche backup al volo. Come software funziona molto bene e dà meglio l’idea di “prodotto che sta facendo andare il pc al massimo”. Per quello che costa (meno di una serata in discoteca) fa egregiamente il suo lavoro.
    L’interfaccia grafica fa schifo, però ;)

    PS:
    masterizzo a 16x senza problemi con masterizzatori LG e DVD tdk o verbatim (sia con k3b che con nero)

  13. K3B e’ ottimo, ma qualcuno e’ mai riuscito a fare una copia di backup di giochi con protezioni ? Se si mi date delle dritte? Mi si sta crepando il cd di Frozen Throne… e usare un nocd per un gioco che ho pagato mi sta veramente sulle scatole !

  14. Nero è qui e spero lo sia per restarci… prima di tutto devo dire che anche io all’inizio lo avevo snobbato e invece funziona meglio di K3B soprattutto con gli ultimi modelli di masterizzatori, se si vuole sfruttare la velocità.

    E’ proprietario e distribuito in forma binaria, ma come al solito io non ci vedo nulla di male… ben vengano altri prodotti come questo! sarebbe sufficiente che Autodesk con la famiglia Autocad e la Adobe buttassero fuori qualcuno dei loro software (scritti ed ottimizzati per Linux) e vedete quanti pinguini proliferanno negli uffici!

    Aggiungo che probabilmente Nero (anche per Linux) lo troverete in boundle con il vostro prossimo masterizzatore, o al limite, con la licenza ricevuta in boundle sarà possibile scaricare una copia legittima da Ahead.

  15. Su via.. costa 20 euro, non è una cifra :)
    L’utente Windows che passa a Linux, sarà contento di ritrovare lo stesso software.

    Peccato per la mancata integrazione.

  16. @5. Ghost
    “K3b è sicuramente il TOP sotto linux, ma… sono l’unico che ogni tanto butta via qualche CD/DVD bruciato ? In particolare facendo CD audio o DVD multisessione…
    PS ho un Pioneer DVR108”

    Tranquillo … il tuo non è un caso isolato : ho un Samsung DVDR qualcosa … nn ricordo esattamente e succede anche a me la stessa cosa ; strana però la coincidenza :-\

  17. Personalmente mi trovo bene con k3b, ma ho esperienza diretta di utenti provenienti da windows cui fa piacere sapere di trovare le stesse applicazioni.

    Inoltre spero vivamente che nero per linux abbia successo, e per un motivo molto semplice:

    Adobe et alias potrebbero finalmente SVEGLIARSI e capire che c’è una (fra poco molto più grande si spera… grazie 1000 Ubuntu… e Dell!) fetta di utenti che usa o vorrebbe usare linux, e dal punto di vista commerciale non ha senso escluderla dal proprio bacino di utenti/clienti.

    Domanda: ammesso che non sia già previsto, quanto può costare ad una società come Adobe fare il porting di Photoshop su Linux in termini di ore di lavoro?

  18. Io sto ancora con wodim e genisoimage :-o

    Personalmente fino a quando l’alternativa libera è usabile (almeno al livello che ritengo opportuno) continuerò a NON usare software proprietario… perché io il male continuo a vedercelo :-P

  19. @ Lor3nzo: non credo sia un problema di ore di lavoro, bensì “CHI” acquisterebbe PS & Suite per Linux?

    Diciamo, in percentuale tra l’utenza desktop, gli stessi che l’acquistano per Windows..

    Non credo avrebbe mercato.

    Magari, con una visione meno miope, potrebbe “collaborare” con le alternative Open per adeguarle almeno nelle funzionalità; usare standard comuni (aperti è troppo?); insomma, diminuire il bacino d’utenza “pirata”, appoggiando alternative open discrete e lasciando PS per i professionisti.

    Ma Adobe ha interesse a stroncare la pirateria? ;)

  20. si sono resi conto che sotto windows non vendono..e provano con linux.
    Speriamo li vada bene….in fondo lavorano bene.

  21. @ Xander

    Il tuo punto di “vista” (brrr… mi fa uno strano effetto questa parola ;-)) mi ha fatto pensare.

    Penso al mio caso: io sto migliorando con Gimp, ma certe funzionalità mi mancano proprio di PS (in primis la possibilità di applicare effetti dinamici ai livelli).

    E se avessi la possibilità lo comprerei volentieri per Linux…

    Non è una questione di costi, ma di scelta:
    70 € di windows xp home sono poca roba rispetto al costo del photoshop,
    ma io Windows non lo voglio proprio e piuttosto rinuncio al photoshop!

    Forse sono un caso particolare, ma mi chiedo se fra le persone/aziende che hanno fatto lo switch “definitivo” non ce ne sia nessuna cui sarebbe utile il photoshop…
    ma non lo compra proprio perché non usa più windows?

    Chiaro la mia è solo un’opinione, ci vorrebbe una ricerca di mercato per dare un giudizio “oggettivo”…

    Forse fra i lettori di Felipe ce ne sarà qualcun altro come me… e se moltiplicassimo per il mondo intero?

  22. @ Lor3nzo:

    Non metto in dubbio che molti vorrebbero utilizzare PS sotto Linux. Metto in dubbio che l’acquisterebbero. Ad ogni modo credo che il problema non si ponga..

    Ci vorrebbe una bella ricerca di mercato..

    E, forse, un modo “sicuro” per far acquistar PS (su Linux, perchè su Win Adobe il problema proprio non se lo pone.. anzi..)..

  23. Che Adobe vorrebbe la certezza di software regolarmente acquistato sotto Linux, mentre sotto Win, a causa dei numeri, ha tutto l’interesse affinchè giri PS, anche piratato, almeno per rendere i suoi formati uno standard de facto.

    Ovviamente le mie son congetture.. com’era il detto “..2 indizi fanno 1 prova..” ?

    Boh.. ;)

  24. Kde , Graveman , Brasero…..Che me ne faccio di Nero Linux?
    Cmq ho installato la trial e anche se è uguale a nero burning rom per Winzzoz sembra un buon programma anche se a me il solo fatto che sia a pagamento mi fa passare supito alla controparte libera!

  25. Secondo me “qualcuno” ha già la sua propria copia, arrivata a casa , impacchettata a dovere e … GRATIS …

  26. Io ho scaricato ed installato la beta qualche giorno fa, era gratis.
    Ora la versione finale è a pagamento?

  27. la mia domanda è:
    Xke nero che rilascia copie di nerowin per chi acquista un masterizzatore, non rilascia all’interno nei suddetti cd un installabile su linux, invece che farcelo comprare??
    Almeno dico una versione lite….

    Non trovo giusto comprarne uno quando me lo danno gratis per win, finche sarà cosi usero solo ed unicamente k3b.
    Anche winamp posso usarlo e se voglio pago poi la mia licenza, mi sembra giusto, non possono avvicinarci differenziandoci.
    Lo sanno benissimo che noi linuxari tendiamo a risparmiare se se ne puo, e mi pare che di programmi per la masterizzazione ce ne sono a miriadi….

  28. io ho comprato la vecchia versione e prenderò pure questa.
    per il semplice motivo di sostenere la scelta ahead.
    ovviamente è anche un buon software.

  29. x quello che mi serve mi brasero va da dio, o meglio …. mi andava da dio ( su edgy ) da quando ho feisty non riesco + a masterizzare ( impossibile fare il lock del device ).
    qualcuno ha avuto lo stesso prob? mi ricompilo i sorgenti presi dai repo di gutsy ?????

  30. @36 ” … mi andava da dio ( su edgy ) da quando ho feisty non riesco + a masterizzare ( impossibile fare il lock del device ) ”

    altra strana coincidenza !!!!

  31. @ Tutti, ricordiamoci sempre che è proprietario. Se usiamo software libero ci sarà un motivo… o è solo per non spendere soldi? Dai ragazzi. ;-)

  32. Nero è di Ahead, Ahead è una azienda tedesca. in Germania l’utenza linux è molto diffusa. Basti pensare che la PA tedesca investe molto sulle aziende locali e fa sviluppare progetti, come Kolab.
    Non mi stupisce quindi che Ahead abbia fiutato l’affare.
    Nel settore aziendale si sente la mancanza di molti software (vedi autocad, photoshop e i software gestionali) che se fossero sviluppati per il pinguino avrebbero comunque il loro bel riscontro.
    La verità nuda e cruda è che ci sono molte (leggi troppe) aziende di consulenza/assistenza informatica che sono succubi dell’avanti->avanti, dell’annulla-riprova-continua e del sistema assurdo di licensing di mamma M$, spaventati dal mondo opensource più che altro per mancanza di competenze, o di voglia di rimettersi in discussione. Ed è per colpa di queste aziende che gli sviluppatori di software secondo me ci pensano su una volta di più prima di imbarcarsi nel porting.
    Boh, attendo fiducioso un Photoshop e un Autocad per linux. Intanto mi levo il cappello di fronte ad Ahead e faccio i complimenti per la scelta.
    Vedremo presto un repository Buy&Install per Ubuntu, come quello di Linspire?

  33. “Vedremo presto un repository Buy&Install per Ubuntu, come quello di Linspire?”

    Per me ci si potrebbe scommettere : e direi anche che come per SuSE, ci sarà la versione OpenUbuntu free e liberamente scaricabile , affiancata dalla versione “On Sale” che oltre a contenere anche software proprietario , sarà *differente* in altre features rispetto alla free …

  34. Ho letto al #5 che Ghost lamenta cd o dvd la cui masterizzazione è andata a male con k3b. Io uso GNOME e brasero/gnomebaker/nautilus quindi non so dire nulla di specifico riguardo k3b, ma una cosa certa, sulla quale voglio porre attenzione e che forse non tutti sanno, è che i masterizzatori di dvd hanno ciascuno il loro bel set di marche di dvd con cui sono, per così dire, compatibili.

    Forse molte volte la corretta masterizzazione di cd o dvd non dipende dai programmi o dall’hardware ma dai supporti (sempre che i dati non siano già corrotti): per esempio io devo comprare dvd di una certa marca e un mio amico, mantenendo la stessa marca, ha solo cambiato negoziante risolvendo tutti i suoi problemi.

    Spero di essere stato d’aiuto altrimenti se ho detto qualche fesseria correggetemi per favore. :-)
    Grazie, Bud.

  35. A proposito di photoshop:

    Ma che c….! Provate, e soprattutto, imparate a usare GIMP!!! Nelle ultime release dà lezioni a photoshop & company

  36. Carissimo felipe,

    non c’è alternativa o il software è libero ed usufruibile da tutti oppure ci saranno sempre padroni e, anche, servi a specularci sopra.
    Chi se ne f…. di Nero 3, 4, 5, o 6 se i “nostri” di K3B ci fanno scrivere su “labelflash” spingiamo ed aiutiamo loro a farlo e non contribuiamo a confondere e confonderci le IDEE!!
    Se non sarà oggi, per soddisfare il nostro egoismo (…scusami “bisogno”), sicuramente tantissimi ne usufruiranno domani (CHE SODDISFAZIONE!!!!! Liberare, almeno, il SoftWare!!) in un mondo gestito da chi si permette di consumare tutto, per tutti, lasciando vuoto e morte per gli altri e briciole(nere/o!!) per i “servi”

    con affetto,

    snt3p

    Due cose mi rifiuterò sempre di fare: OBBEDIRE e COMANDARE.
    sntppp

  37. a me sinceramente manca l’opzione cover editor di nero.sotto linux non c’è nessun software che con un click importa la tracklist del cd appena masterizzato e ne fa una copertina.e a me serve…sai che palle scriversi tutte le tracce?
    cmq questa opzione sul nero linux non c’è, quindi nero win sotto wine is the answer!

  38. premetto che la versione 3 di nerolinux ancora non l’ho usata, ma mi è capitato che un file (un hd-rip di un film) che occupava giusto lo spazio di un dvd non riuscivo a masterizzarlo con brasero o con l’utility di gnome perchè mi avrebbe attivato l’overburning. sono stato costretto a scaricare nero 2 (che è molto più brutto e buggato del 3, di brasero e del resto) e a masterizzare con questo “senza” problemi.

    ora la questione è che non bisogna fare i fondamentalisti. a me è parso stabile come programma. ora ho visto che la versione 3 è realizzata anche con le gtk, quindi è un altro passo avanti. e poi così c’è la possibilità di scegliere il programma.

  39. Avevo bisogno di masterizzare dei cd da 90min (800mb) con nessuna applicazione linux “nativa” sono riuscito a fare qualcosa. Con Nero Linux 3 è andato tutto bene alla prima senza dover settare nulla.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...