Portare KDE4 nella vita reale: Oxygen

Aggiornamento: i miei superpoteri questa volta mi hanno sorpreso! Addirittura lo stile presentato in questo post è stato riscritto! Ok ok, bastava che aspettassi un giorno… invece ho preso una cantonata :D Spero che quanto scritto possa restare a futura referenza e magari torni utile a qualcuno :)

Ho seguito il suggerimento dato più volte da Riccardo, spronato anche dai suoi indizi su chi siano i lettori che ogni tanto mi seguono tramite il traduttore di google – my pleasure! Ho deciso di installare/provare/maltrattare/recensire Oxygen, così come appare in KDE 4 Alpha 2 :)

oxyanteprimascaduta.png

Il mio modesto contributo ad Oxygen è sempre stato “divulgativo”: limitato a fare da eco allargata a post di David, Ruphy, Nuno e gli altri, conditi con qualche mio parere ogni tanto. Beh mi dicono che quelle poche opinioni che ho dato sono state realmente vagliate (così come lo sono quelle di chiunque), e in alcuni casi anche apprezzate :)


Questo minuscolo riconoscimento da parte di gente che stimo così tanto mi rende orgoglioso e mi infonde un po’ di coraggio, per cui… beh la butto così con finta nonchalance, sperando di continuare a fare cosa gradita: ecco qui di seguito alcune considerazioni che mi sono venute spontanee provando questa versione di anteprima del futuro stile KDE4. Adesso che si avvicinano le versioni beta credo sia il momento migliore per esprimersi a riguardo.

NB: Il software recensito proviene direttamente da svn trunk, quindi mi riferisco alle più recenti evoluzioni (30 luglio)

Oxygen, lo stile

Le potenzialità di questo nuovo stile grafico di KDE ci sono proprio tutte. Finora avevo evitato di installarlo per non rovinarmi la sorpresa, ma ok, ormai che siamo bombardati da pacchetti e repository aggiornatissimi di anteprime di KDE4… significa che è giunta l’ora di buttargli un occhio :)

Ovviamente – ci tengo a sottolinearlo – parliamo di lavoro in corso, quindi queste potenzialità vanno ancora smussate, sgrossate, ripulite, valorizzate e messe in risalto in mille modi diversi. E sono sicuro che il team di Oxygen saprà farlo nel migliore dei modi :)

L’aspetto generale è – in prospettiva – quello di uno stile rilassante ma attraente, moderno ma non troppo invadente, specie una volta eliminati alcuni appesantimenti. Quella che recensisco è la configurazione predefinita, senza alcuna modifica o presonalizzazione da parte mia. Beh vado con le considerazioni:

#1

In generale apprezzo la buona scelta del colore di Oxygen, con queste leggere sfumature di grigio, anche se forse manca ancora il tocco “assassino”. Dov’è finito il giallo?

#2

I caratteri sono spesso un po’ troppo grandi in zone candidate ad averne di dimensioni ridotte.

toolbar.jpg
Il testo sotto alle icone mi piacerebbe averlo più piccolo

Non ci sono differenze tra la dimensione del carattere dei pulsanti della toolbar e il testo generale delle finestre, ad esempio. Mi aspetterei che i caratteri sotto ai pulsanti della toolbar fossero più piccoli rispetto a quelli usati in tutto il resto del desktop, così come per la taskbar. (cfr per GNOME “Suggerimento per le GTK+“)

#3

Le scrollbar sono un po’ ciccione ma hanno uno stile riconoscibile, carino l’effetto eliminazione dell’ombra che si ottiene cliccando sullo slider, si ha l’impressione di aver realmente premuto qualcosa.

scrollbar.jpg

I pulsanti direzionali delle scrollbar invece sono uguali tra loro e sono più simili a semplici pulsanti che a vere frecce direzionali (magari un triangolino¹ a comparsa “on mouse over”?). Oltre a questo, o forse proprio per questo, appesantiscono un po’ troppo le finestre, specie quelle con più scrollbar.

#4

Tutte le micro-animazioni di Oxygen sono un po’ lente. Lo stesso Aaron lo ha esplicitato di recente, ma non pensavo che le cose stessero a questo livello. A me piacciono le animazioni impercettibili, che non diano il tempo di essere notate… dovrebbero essere quasi “subliminali” :)

#5

Alcune animazioni sono anche un po’ strane. Quelle di hover sui pulsanti della toolbar per me sono innaturali e servono solo a distrarre, oltre ad essere lentissime :) Molto bello invece l’effetto sui pulsanti della toolbar selezionati.

#6

La transizione predefinita tra le schede (crossfade?) è molto carina. Non ci sono però transizioni tra gruppi di schede, molto comuni nei dialoghi di preferenze. Un esempio potrebbe essere dato dalle preferenze di Dolphin: cambiando tra “View Modes” e “General” mi sarei aspettato una transizione. Segno che mi è piaciuta :)

#7

Sempre sulla transizione predefinita tra le schede: quella predefinita è ottima, anche se un po’ lenta. Io sarei per velocizzare e prefezionare questa, ed eliminare le altre, che sono un po’ bruttarelle. La transizione “Scan” in particolare sembra quasi un difetto grafico nel refresh, e le altre sembrano le diapositive delle vacanze di mia nonna ad Alberobello :D

#8

I “combobox” hanno secondo me un aspetto un po’ troppo incassato (con la “s”), considerando che dovrebbero suggerire l’idea di qualcosa che spunta tridimensionalmente al di fuori della finestra.

combobox.jpg

Per questo motivo sono per me poco riconoscibili: all’inizio ho proprio fatto fatica a distinguerli. Una volta cliccati, le opzioni che appaiono nel menu a tendina non seguono più lo stile e il colore di prima e si confondono con il resto della finestra: chiari con scritte nere come sono.

#9

Anche i textbox sono difficilmente riconoscibili, al momento hanno quasi l’aspetto di pulsanti senza scritta.

text.jpg

Forse dovrebbero essere piu chiari, o dovrebbero avere il gradiente invertito, o magari dovrebbero essere esplicitamente piatti e incavati per rendere esplicita la loro funzione.

#10

Utile l’ombreggiatura nella linguetta della scheda attiva, la rende distinguibile da quelle inattive in maniera molto chiara.

tabbar.jpg

Le aree di “confine” delle linguette delle schede inattive sono invece indistinte, si finisce per cliccare sul testo (anche qui: troppo grande) o sull’icona per essere sicuri di beccarre quella giusta.

#11

Sempre guardando l’immagine precedente: la tabbar ha a mio avviso troppi arrotondamenti e troppe cornici indentate e smussate. Questo crea una strana sensazione di confusione che invece in altre parti dello stile non c’è.

#12

Non funziona la rotella sulla tabbar per cambiare tra le schede, tranne che in Konqueror (dove per fortuna funziona). Credo che questa sia una strana limitazione di Qt, ma direi che la comodità di cambiare scheda semplicemente girando la rotella del mouse sulle “linguette” sia unica.

#13

Ogni finestra ha menubar + toolbar + titlebar fuse graficamente in un unico spazio. Questa cosa devo dire che personalmente mi piace proprio, ma c’è un piccolo difetto: il trascinamento della finestra funziona solo se si clicca nella titlebar, un po’ indovinandone i confini. So di cosa parlo, perché nel mio desktop uso Blended per Compiz/Metacity e ho notato questa confusione in tutti gli “utenti” occasionali del mio GNOME.

Un suggerimento potrebbe forse essere quello di rendere un pizzico unificati anche funzionalmente quei tre elementi in modo da rendere trascinabile la finestra a partire da un qualsiasi punto vuoto (senza pulsanti o menu) di quella superficie.

#14

Non permettete a nessuno di dire che Oxygen è troppo configurabile, vi prego :D

oxyconfig.jpg

Credo che al momento si stia permettendo la scelta tra vari tipi di transizioni, gradienti, colorazioni, comportamenti eccetera… e una volta stabiliti i più usabili si lasci quelli. O almeno lo spero. Confido molto nel buon gusto ampiamente dimostrato dal team di Oxygen, e mi piacerebbe che si desse un’indicazione univoca sull’aspetto “standard” di Oxygen.

Un altro modo di scrivere questo punto sarebbe stato che alcune opzioni di Oxygen per me sono orrende :D

#15

Senza ombre i menu non sono facilmente distinguibili dalle finestre, anzi direi che diventa difficile capire dove finisce il menu e comincia la finestra. Credo sia una questione di colori (es. in GNOME i menu sono più chiari delle finestre) e di tridimensionalità.

Ovviamente con le ombre di un compositor abilitate il problema non sussiste più, ma non tutti si potranno permettere quel genere di sciccherie.

#16

L’animazione hover sulle voci della menubar (File, Edit, ecc) per me e’ innaturale, lenta e anche un po’ bruttarella.

menubar.jpg

Stessa cosa dicasi per le voci dei menu. No vabbè dai, l’animazione non è brutta, ma mi pare un po’ troppo piatta e fuori posto, almeno rispetto a quanto è coerente il resto dello stile :)

Avevo visto delle immagini con la voce della menubar fusa insieme al menu aperto, e usando il grigio più chiaro per evidenziare il tutto. Non so se sia una versione ufficiosa o solo un mockup, ma era molto bella.

#17

Una volta cliccato sulle voci della menubar (vedi sopra) per aprire i menu, il segno di selezione (un ovale azzurro senza alcuna tridimensionalità) e’ completamente innaturale e rende le voci slegate dai menu che aprono.

Leggi sopra (#16) per la “soluzione”. Anche qui, era solo una bozza o c’è del vero?

#18

Voglio aggiungere che io non sono per niente supertizioso

È tanto liberatoria… (cit)

Queste osservazioni non mi servono per raggiungere alcuno scopo. Ok lo sviluppo di KDE è una cosa collettiva e gli sviluppatori sono sempre attenti ai pareri di tutti noi, ma sono loro a decidere e a plasmare² le cose, e stanno ampiamente dimostrando di sapere come farlo. Tutto quello che trovate scritto in questo post quindi è frutto spontaneo di amore e passione, trattatelo come tale :)

Devo assolutamente indirizzare qualche parola anche ai diretti interessati: se volete, queste idee sono a vostra completa disposizione, nel momento in cui doveste pensare che valgono qualcosa, sappiate che sono vostre, anzi sono di tutti noi. A me “scappava” solo di dire la mia opinione, come sempre :)


[¹] Un triangolino non lo si dovrebbe negare mai a nessuno!
[²] Attenzione: messaggio subliminale

31 pensieri su “Portare KDE4 nella vita reale: Oxygen

  1. Condivido con te la #8,9,16… Anche se in ognuno di questi punti con un po di lavoro si risolvono tutti i problemi!!! Non provando la #16 posso giudicare solo con la tua descrizione…Anche se forse rendendo più modesto l’effetto e anche più in realtime si otterrebbe una ottima feature! Ma non doveva essere già uscita la beta1 o alpha4???

  2. Stanno tralasciando un po’ troppo l’aspetto dell’accessibilità, come hanno già fatto con Vista e con il prossimo OsX.

  3. Mah… Meglio se mi sto zitto…

    Sinceramente a me questo post non piace… Cioè, avrei capito che sarebbe venuto da un utente abituale di KDE, ma dato che felipe usa molto di più GNOME, è chiaro che sarebbe stato influenzato dalle direttive grafiche di GNOME.

    Io penso che KDE dovrebbe fornire delle possibilità grafiche che ad esempio GNOME non offre, e viceversa… Non devono assomigliarsi uno con l’altro…

    E poi sinceramente è dai tempi di Tiger che non vedo più un bel aspetto grafico innovativo, ormai Vista ha copiato Leopard e a me sembra che sia GNOME che KDE vogliano copiare Leopard… A me questo KDE 4 sinceramente piace ben poco, ok ci son gli effetti grafici, i plasma, ma alla fine? Il succo dovè? Dove sta quell’innovazione grafica bella e funzionale che mi faccia dire: “UAO, devo lasciare GNOME subito e passare a KDE?”

    A me sinceramente mi sta scocciando questa ricerca quasi ossessiva dell’effetto grafico, delle belle configuazioni di colore mentre l’accessibilità e la funzionalità se ne vanno a donne di facili costumi, per dirla in modo fine….

  4. Da dove si può scaricare la versione svn di questo stile? Ho provato a cercare ma ho solo trovato le icone oxygen…Grazie
    Ciao

  5. @vincent:
    Ha, come volevasi dimostrare :D

    Grazie per la segnalazione, che tempismo eh? In ogni caso l’aspetto è sempre ispirato alle specifiche originali, da quello che leggo cambia un po’ il codice che ci sta dietro. Graficamente ci sono già alcune migliorie (e alcuni peggioramenti). Mi terrò aggiornato (…svn up!)

  6. @Metallus

    A me invece sembra che felipe sia stato quanto più obiettivo possibile. E’ giusto che Gnome e KDE non debbano assomigliarsi troppo (non avrebbe senso, no?) ma se qualcosa funziona bene, perché non adottarla? Alla fine siamo noi che ne beneficiamo. Comunque, personalmente questo KDE non mi piace per niente, ora come ora lo trovo decisamente poco fruibile, preferisco una grafica più minimalista e una GUI più reattiva.

  7. @DanyATK: Una cosa è ADOTTARLA (magari ringranziando nel Changelog colui che l’ha fatto), un altra copiarla senza chiedere nulla… A me quello che non mi piace è questa ricerca ossessiva, senza alcun motivo apparente, di effetti grafici con aggiunte quali Compiz o il defunto Beryl… Cioè, ok ho il cubo rotante, WOW che bello, sbavo :Q__ ma poi? Cosa mi ottiene… Cioè va bene installarlo per far vedere la potenza grafica, ma io almeno dopo 2-3 giorni mi ero già stufato di avere le finestre gommosso o che si incediavano e l’ho mandato via… L’unica cosa buona di Compiz è il fatto dello zoom sul desktop, che può servire non solo come effetto grafico, ma anche per chi ha problemi alla vista… Ma per il resto non serve a nulla.

    E poi io lo ripeto… Io preferisco un desktop scarno e funzionale (window-manager per dirne uno) rispetto ad uno pieno di effetti grafici ma senza grandi funzionalità che non vanno oltre lo “Sbrilluccichìo” o i “plasmoidi”…

  8. @tutti:
    Dopo una veloce chiacchierata con Ruphy (e la visione di qualche bozza segretissima quanto spettacolare!)…

    Beh sembra proprio che Oxygen verrà rivoluzionato, e che le osservazioni di questo post erano già state fatte “internamente”: i problemi descritti sono stati risolti alla radice, eliminando il codice e cominciandone la riscrittura.

    La buona notizia è che adesso si dovrebbe lavorare più a stretto contatto con gli artisti. Mi terrò aggiornato, dopo questo colpo di scena :D

    Vorrà dire che questo resterà da referenza futura :D

  9. Fantastico, questo è fantastico: sviluppatori che ascoltano le opinioni degli utenti.

    Complimenti veramente, è una grande cosa.. =D

  10. Sono sempre più curioso di provare questo KDE4… Le premesse sembrano davvero buone, anche perché hanno il tempo di ascoltare la comunità e prendere gli spunti migliori per presentare un prodotto per tutti…

    Attendiamo questo news segrete :D non è che ci puoi dare una piccola anticipazione?

  11. Non ci sta nulla di fantastico,gli sviluppatori KDE hanno sempre ascoltato gli utenti,non possiamo dire lo stesso di quelli GNOME che onestamente parlando sono solo bravi a fare gli sboroni e ricopiare qua e la….

  12. @Pippa: Guarda che pure quelli KDE copiano, come copiano quelli GNOME, quelli di OSX, quelli di microsoft (vabbè loro lo fanno per mestiere :D) e così via…

    E questo il brutto, ormai è un copiazzamento generale, non esiste più quell’innovazione grafica che la guardi e fai: “UAO!”, ormai tutti pensano solo a fare i belli effetti grafici, ma la funzionalità ormai è un optional… Per questo odio i troppi effetti grafici, sopratutto se fatti solo per stupire e niente più….

  13. @ Metallus
    sto traducendo un’articolo sui pilastri di kde 4, presto lo potrai leggere su kde italia e potrai giudicare tu stesso il lavoro degli sviluppatori kde 4… se poi vuoi dire che plasma , phonon, solid, dolphin, okular, strigi e tanti altri non portino innovazione nel mondo open source fai pure :)

  14. Io che mi diletto con la grafica sarei molto interessato a qualche documentazione su come fare i temi per kde4 ….

  15. Bella questa “raccolta di consigli” per gli sviluppatori di KDE. Anche se è già iniziata la riscrittura del codice sono sicuro che qualcuno ai piani alti (ad esempio Iaconelli) saprà cogliere le critiche e i lati positivi di quello che è stato fatto fino a oggi..

    Sono sostanzialmente d’accordo con tutto quello che hai scritto. Hai colto tutto gli aspetti che facevano storcere il naso anche a me..

    In bocca al lupo a Casper Boemann, nuovo maintainer ufficiale del codice..

  16. @Metallus ed in generale per tutti…
    Ritengo che grazie alle potenze disponibili, la tendenza ad utilizzare vari effetti grafici sarà sempre più inarrestabile e la questione degli stili e degli scopiazzamenti sarà sempre più motivo di dibattito… come succede nel mondo delle automobili, credo che il paragone sia abbastanza azzeccato; alla fine ognuno apprezzerà più un prodotto che un altro, ma il buon gusto e la razionalità sono prerogativa di pochi e la si vede “da lontano”!

  17. @Dox:
    Purtoppo la realizzazione dei temi per KDE 4 (come anche per i predecessori) non può prescindere dalle competenze di programmazione C++. Tutto lo stile è creato da una serie di classi C++, quindi da codice, non da immagini. Se per “grafica” intendevi questo, beh, accomodati! :)

  18. @minkiux:
    eheh, mi spiace, con cokoon non più! ;-)
    anche se la maggior parte dei temi sono in C++ (principalmente per questioni di “personalizzazione” ulteriore), con cokoon puoi realizzare temi e windeco usando solo SVG/PNG e comunque solo immagini, senza bisogno di scrivere nessun codice!
    quindi, Dox, have fun! =)

  19. nooo! più pulsanti ci sono e meglio è.. spero non copi lo stile minimalista di gnome (anche vista ha uno stile base che ho cercato almeno parzialmente di disattivare)

  20. @Metallus
    se c’e’ un desktop che non assomiglia alle fredde finestre grigio-metalliche-topo-muschiato di Macosx e’ proprio KDE.
    :)

  21. Non sono molto d’accordo con i tuoi punti #10 e #11, per me è l’aspetto grafico è già ottimale.
    Concordo invece sulla #12… quella funzionalità non può mancare.

    PS. azz.. se continuano così mi sa che mi tocca abbandonare lo gnomo!!!!

  22. @Felipe
    Senti cosa mi dici della navigazione dei sotto menù?
    Io avrei un suggerimento:
    spesso soprattutto con i touchpad dei portatili ma non solo, io non riesco a raggiungere una voce di un sotto menù al primo colpo a causa del fatto che spesso lo spostamento laterale non è perfetto in modo particolare quando il menù e più tosto ampio a causa di certe voci.
    Non ci sarebbe un modo di creare una zona morta nell’angolo di spostamento. Per capirci se io sposto il cursore con un angolo di prevalenza laterale il programma che gestisce i menù dovrebbe intuire che io voglio dirigermi verso quel sotto menù. Questo sarebbe, secondo me, molto utile ai fini della usabilità.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...