OpenMoko: web browser e media player [video]

Ecco due video che mostrano la situazione attuale di OpenMoko, il sistema operativo del FIC Neo 1973 “telefoninux”, in fatto di lettore multimediale:

e in fatto di di web browser¹:

Entrambi sono frutto dell’ultimo Google Summer of Code e hanno un aspetto (e per quello che si può capire, un utilizzo) abbastanza rassicurante, non credo di poter dire altro.

Invece non ho ancora capito se tutta la storia dello schermo utilizzabile con le dita (touch-screen come tocco, e che diamine) è stata una invenzione del mio cervello: vedo sempre più video in cui si usa una penna per comandare i pulsanti. Fino ad un certo punto avevo pensato che fosse un modo per far vedere meglio alla telecamera cosa si sta cliccando, ma forse con quei pulsanti così piccoli potrebbe essere un’esigenza generalizzata…

Staremo a vedere.

[via: Planet OpenMoko]


[¹] O “navigatore del web”, o “esploratore del web”. Ma perché non passiamo tutti in massa alla lingua inglese e la facciamo finita con questa pagliacciata? :D

37 pensieri su “OpenMoko: web browser e media player [video]

  1. io l’ho provato dal vivo!!
    la mia universita’ ha acquistato la versione per sviluppatori..
    le impressioni sono state: “lentezza esasperante”, “design davvero bello”, “inutilizzabile con le dita”

    hai perfettamente ragione.. l’unico modo per utilizzare al meglio il “telefolinux” e’ utilizzare la sua penna (che ha anche un puntatore laser rosso :D).. soprattutto per scrivere email, contatti e promemoria.. le lettere saranno grandi un paio di millimetri..

  2. Perchè è lento?!?!?! Speriamo di no: io che mi sto astenendo dal comprare un cellulare nuovo per aspettare l’uscita del FIC…spero proprio lo mettano “apposto” per l’uscita finale!

  3. Per scrivere un link con la pennina ci vorranno anni!!!!Devono fare la tastiera + GRANDE!!!Se no sarà tutto inutile!

  4. E’ in sviluppo?
    Lasciamolo sviluppare.

    Mi auguro che nessuno pensi alla penna come IL metodo per interagire con un touch-screen, se non altro perchè un pelo anacronistico..

    Ma secondo me c’è molto buon potenziale, che prima o poi verrà fuori, forse non esattamente per la prima commercializzazione..

    Ho qualche dubbio con l’interazione, non tanto per il pennino, che presumo (forse male?) verrà meno più in là nel tempo, ma per i troppi pulsanti presenti anche nelle visualizzazioni a pieno schermo..

    Ma dietro c’è l’Alieno, ed altra gente col pelo sullo stomaco..
    Quindi, personalmente, mi fido.

    :)

  5. Comunque, a proposito della dimensione della tastiera “virtuale”, potrebbero farla ancora più grande, tanto è a scomparsa!

  6. Nel video dice che stanno lavorando all’interazione digitale. Nel senso anacronistico della parola “digitale” =D.

    A me preoccupa decisamente di più la lentezza assurda nell’apertura delle applicazioni.

  7. si effettivamente la lentezza è un elemento abbastanza preoccupante…ma qualcuno sa se la versione del neo1973 che circola nei vari video è quella a 266 MHz o a 400? credo che la cosa sia rilevante.

  8. Mi attira sempre di più il progetto del Neo, e sono daccordo con la scomodità della penna, ma viste le dimensioni penso sia difficile fare una tastiera on-screen abbastanza grande.
    A mio personale parere continuo a vedere meglio una tastiera reale, magari fatta come quella del sony ericcson p1i http://lucaviscardi.vox.com/library/photo/6a00c2251da8c18e1d00e398b1acfd0003.html
    e a scomparsa, in questo modo si potrebbero mantenere le dimensioni compatte, avere un’interfaccia touch per i compiti di tutti i giorni (rubrica, lettura della posta, composizione veloce, etc etc) lasciando alla tastiera fisica il compito di inserire le nostre parole, senza bisogno di stilus o tastiera on-screen, che cmq lascia un pò a desiderare, ho avuto occasione di utilizzare quella dell’iphone ed è tutto fuorchè accurata

  9. L’hardware non vi preoccupi, la versione nuova ha accelerazione video in hardware e quindi problemi non ce ne saranno.

    Ma il punto è il software che non è un granché, e gli sviluppatori lo sanno, chiacchiero con alcuni di loro ogni tanto. Basando il tutto su gtk+ non si può avere _facilmente_ l’effetto WOW, e una occhiata è stata gettata su EFL (roba di englightment 17), e quindi qualche speranza c’é.

    Usare le dita, dite, beh anche questo lo sanno. Ma fra il dito e il fare c’è di mezzo il naso… questo per dire che l’interazione è ancora un po’ caccolosa per ora :) (“per ora” è la parola d’ordine :P)
    Lo ha visto anche LEI: http://eugenia.gnomefiles.org/2007/10/25/the-openmoko-joke/

    OT: OpenMoko gira anche su altri telefoni oltre che sul Neo, felipe che aspetta a parlarne ? :)

    Ciao ciao,
    Antonio

  10. non potete sperare di avere uno schermo grande e al contempo una tastiera grande…o l’uno o l’altro ;)

    se proprio dovete scrivere una mail esistono anche le tastiere ad infrarossi che proiettano una tastiera sul tavolo o appoggio che avete a disposizione al momento…

  11. quoto eugenia dal post linkato da ao: “If someone can’t easily and precisely hit a widget with a finger instead of a stylus, then it’s a useless UI”
    e non si scappa…..

  12. ao:

    per favore. EFL è un giocattolo, non supporta praticamente nulla, è sperimentale (al più) quando non proprio limitato. ecco perché non lo usa nessuno. in più, viene riscritto, rotto e rigirato ogni tre per due, quindi non ci si può costruire sopra nulla: costerebbe meno scriversi una libreria per interfacce grafiche da zero.

    poi veniamo a qtopia: per vedere quanto ridicola sarebbe un’interfaccia basata su qt basta vedere la tastiera, con le lettere grandi un paio di millimetri; probabilmente ti danno un puntatore al laser per permetterti di centrarlo.

    smontiamo anche l’iphone/ipod touch, intanto che ci siamo: la tastiera virtuale è inusabile per scrivere qualunque cosa di più lungo di “hello” in tempi che non siano da ere geologiche. e dopo una settimana che ce l’hai ti accorgi di quanto l’UI in realtà non sia poi così pulita o consistente (ma tanto tra sei mesi rollano una nuova UI, con nuovi e più eccitanti effetti, e quindi tutta la massa di fanboy apple si dimenticherà dei dettagli).

    quanto a eugenia: è notoriamente un troll, con una strana percezione dell’usabilità.

  13. oh, e per finire: openmoko è in generale pensato per essere navigato con i pollici o le dita, ma se devi scrivere allora devi usare una stilo – perché la tastiera non può essere troppo grande. se vuoi aumentare la dimensione tastiera devi diminuire la grandezza della entry che mostra il testo che stai scrivendo. se vuoi avere entrambi grandi, devi aumentare la grandezza dello schermo, ma questo significa avere uno schermo più costoso da un lato (e gli schermi sono, in geneale, quello che cosa di più – specialmente se touchscreen) e un device troppo grande per essere tenuto con una mano *e* usato con il pollice della stessa mano.

    è un delicato equilibrio, che però non si può identificare se non a posteriori o con un immenso dispendio di soldi a preparare prototipi – e il motivo per cui la FIC e la nokia vogliono usare linux è perché non si pagano royalties, quindi si tagliano i costi di sviluppo e produzione.

  14. ragazzi, non vi va a genio il software di openmoko?
    no problem, spianate e ci buttate sopra qtopia (che sembra andare anche decisamente più veloce)

  15. Io metterei una tastiera che, quando il telefono e` messo orizzontalmente, occupi i 4/5 dello schermo in modo da poterlo usare con le dita…
    e` solo un`idea, perche` per me usare il pennino e` la roba piu` scomoda del mondo.

  16. @22 per me posson esser implementate più soluzioni.. ecco il bello del mondo open source :)

  17. non mi meraviglia la lentezza, visto che anche openmoko si basa sulle GTK, che non sembrano beneficiare dei 128Mb di ram presenti sui Neo …

    Ma quand’è che qualcuno si decide a riscrivere un engine GTK decente per i dispositivi embedded?

    Io ricordo che un po’ di tempo fa era ancora possibile avere GPE su un palm con delle prestazioni accettabili. Poi si sono introdotte le GTK 2.1x … ed ecco il patatrac … minuti per caricare un’applicazione PIM … troppa poca memoria …

    Mentre invece, ancora ora, Opie e Qtopia praticamente schizzano, nonostante i 300Mhz e i 32Mb di ram di un palm tx …

  18. Mi spiace dirlo e non sapete quanto.
    Ma levate mano dal primo OpenMoko: sara’ un lento ed inutilizzabile esperimento geek. La sua lentezza e’ esasperante: Linux puo’ farcela, ma al momento solo poche aziende stanno realmente lavorando per tagliuzzare tutto il “grasso” del nostro Pinguino e farlo andare “decentemente” su un ARM come quello.

    Le cose potrebbero cambiare, soprattutto con l’adozione di QTopia. Ma non certo con quella devise mostrata in questi video.

    Se volete un telefono con Linux che sia utilizzabile, pensate al RAZR2 di Motorola. Non ho avuto ancora occasione di provarlo, ma le prime voci interne parlando di qualcosa di veramente buono e “commercializzabile”. Insomma, un degno seguito per la pluri-premiata serie RAZR.

    Staremo a vedere…
    Noi intanto passiamo il tempo a copiare iPhone, il che non e’ affatto gratificante :(

  19. Visto che ho installato OpenMoko sul mio PocketPc dico anche la mia.

    Openmoko va abbastanza bene, le gtk vanno abbastanza veloci su un 400Mhz. I problemi da risolvere secondo me sono altri:
    – La tastiera virtuale non compare nella sua interezza sui dispositivi non NEO1973
    – Troppo spazio sprecato, menu in stile gtk1 e la visione globale è ancora troppo desktop.
    – troppi popup
    – Se proprio bisogna imitare qualcuno, il riferimento dovrebbe essere Windows Mobile, l’Iphone non ha neanche il copia-incolla e difficilmente senza queste cose basilari riuscirà a diventare piattaforma adatta a tutti gli utilizzi mobili.

    http://grigio.org/howto_openmoko_htc_magician_s100_dual_boot_wince

  20. Emmanuele, riguardo l’iPhone, ne ho provate uno un mesetto fa (importato), devo dire che l’usabilità con le dita c’è tutta… Ho provato a scrivere con la tastiera (proprio per rendermi conto), e cercando di andare alla massima velocità e non ci sono troppi problemi di scrittura. Ovviamente si sbaglia, ma si va comunque più veloce che con il T9 (e io con quello sono iper-lento, amo solo le qwerty :P) e ad ogni modo il fatto di attuare un controllo d’errore incrociando le pressioni con un vocabolario interno è una scelta azzeccata…
    E questo te lo dice uno che è la cosa più lontana da un fanboy apple…

    Riguardo l’openmoko, sono anche io daccordo che il pennino DEVE essere messo fuori uso (o per lo meno, da usare solo in situazioni davvero particolari)… L’idea di gandoo di usare gli accelerometri per ruotare tastiera e testo e quindi rendere il tutto più grande (o meglio wide) l’ho avuto anche io da tempo (e non capisco come mai l’iphone non ce l’abbia) e mi sembrerebbe una cosa fondamentale al punto in cui siamo…

  21. @trevino:

    qui in ufficio abbiamo preso un ipod touch (ovvero: l’iphone senza il telefono) e ti assicuro che a parte un effetto “wow” iniziale l’UI si disintegra quasi subito, e si notano le prime inconsistenze. è interessante, perché in alcune scelte si vede un grande studio di usabilità per le reazioni dell’UI all’interazione con le dita, ma non tutte le applicazioni ne fanno un uso consistente – il che mi fa pensare che non siano proprietà disponibili nello strato del toolkit, ma ogni applicazione le reimplementa ogni volta.

    al fanboy delle qt: sono un toolkit, non si chiamano “trolltech panacea”. hanno anche loro dei bei difetti.

  22. @Emanuele Bassi:
    mi piacerebbe vedere GPE funzionare ‘smoothly’ anche su dispositivi con poca memoria (e.g.: vari handhelds Palm): questo sembrava possibile un po’ di tempo fa. Purtroppo ora sembra che per questi dispositivi le uniche valide alternative siano le soluzioni basate sulle QT … :(

  23. @Emmanuele Bassi:
    io ed un collega abbiamo speso un po’ di tempo (ad agosto, se non sbaglio) cercando di avere un’immagine angstrom-gpe usabile per il palm tx: l’unico modo per avere delle prestazioni accettabili e’ stato forzando l’utilizzo delle gtk 2.6 …

    senza dubbio molto puo’ essere cambiato negli ultimi mesi … ti prometto che ci daro’ un’occhiata appeno ho un po’ di tempo …

  24. @cris

    si, probabilmente stavate usando cairo 1.0 o 1.2, che su architetture senza FPU erano incredibilmente lente; cairo 1.4 ha sostituito una valanga di calcoli in floating point con la loro versione in fixed point, e questo ha permesso di avere di nuovo performance comparabili; poi ci vanno i fix in pango, nelle gtk+ e nei temi. adesso si hanno prestazioni comparabili con 2.6, tanto che anche la nokia e openmoko sono passati a gtk+ 2.10/2.12.

  25. @Emmanuele Bassi:
    effettivamente era un po’ di tempo che non controllavo gli sviluppi della situazione (leggi: perdita di interesse dovuta alla frustrazione).

    Grazie per la buona notizia! mi mettero’ ‘al lavoro’ quanto prima.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...